Telejato

Borgetto, il consiglio comunale non approva il progetto A.R.O.

Borgetto, il consiglio comunale non approva il progetto A.R.O.
Ottobre 02
14:36 2015

I sindaci di Terrasini e Cinisi, Avv. Massimo Cucinella e Avv. Giangiacomo Palazzolo, apprendono con sconcerto del comportamento posto in essere dal Consiglio Comunale di Borgetto, i cui consiglieri, nonostante avessero rinviato da alcuni mesi la discussione sull’approvazione del progetto A.R.O., non si sono presentati all’adunanza del 30 settembre 2015, determinando la perenzione del punto all’ordine del giorno.

“Questo comportamento  – dichiarano Cucinella e Palazzolo –  appare a dir poco irriguardoso nei confronti delle collettività di Terrasini e Cinisi e dei loro rappresentanti in Consiglio comunale, i quali si sono tempestivamente attivati, studiando, valutando ed approfondendo il contenuto del progetto A.R.O. Cinisi-Terrasini-Borgetto e provvedendo, già nel mese di giugno 2015, all’approvazione di un progetto che dà concretamente una soluzione al problema della gestione dei rifiuti, con conseguente miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie dei territori coinvolti, determinando al contempo un futuro migliore ai lavoratori impegnati nei tre territori comunali. Le Amministrazioni Comunali di Cinisi e Terrasini – continuano i due Sindaci – che avevano atteso, nel rispetto delle prerogative istituzionali del Consiglio Comunale di Borgetto, le determinazioni del Comune di Borgetto, subendo i consequenziali ritardi nell’attivazione del progetto, non possono che prendere atto della volontà della collettività di Borgetto, come rappresentata in Consiglio Comunale, di non voler condividere un percorso con i Comuni di Cinisi e Terrasini. A questo punto coinvolgeremo i  nostri Consigli Comunali per l’adozione dei consequenziali atti che determineranno la rescissione della convenzione sottoscritta con il Sindaco del Comune di Borgetto”.

I due sindaci, di concerto con i presidenti dei rispettivi Consigli Comunali, Giuseppe Caponetti e Giuseppe Manzella, consapevoli della bontà del lavoro profuso nel progetto, dichiarano “di voler continuare insieme sulla strada intrapresa, al fine di offrire alle due collettività un servizio di eccellenza che consenta di tutelare l’ambiente per presentarlo anche a visitatori e turisti nelle condizioni migliori”.

Sull'autore

Redazione

Redazione