Telejato

«Non avrebbero dovuto fare quella votazione al Senato ma al Colosseo», sancita ancora una volta tutela carnefici e non diritti umani per tutti

«Non avrebbero dovuto fare quella votazione al Senato ma al Colosseo», sancita ancora una volta tutela carnefici e non diritti umani per tutti
Ottobre 28
17:28 2021

Il comunicato stampa dell’Associazione Antimafie Rita Atria sulla tagliola sul DL Zan

Non ci sono motivazioni politiche dietro quell’applauso esultante tracotante di disprezzo e odio verso i diritti umani, ma solo un pensiero stracolmo di pregiudizi, prevaricazione, ignoranza e cultura machista. Non avrebbero dovuto fare quella votazione al Senato ma al Colosseo.


Quella gioia arrogante e ignobile è l’orrendo segnale di quanto la cultura di questo Paese trasudi di omotransfobia, di quanta strada ancora ci sarà da fare affinché non sia la legge del più forte a prevalere, ma quella del rispetto verso il prossimo, dei diritti inviolabili di ogni essere umano.
Salvini e i suoi accoliti rimproveravano il fatto che non erano state ascoltate le preoccupazioni del Vaticano, delle famiglie, etc… che non erano state ascoltate le indicazioni di tutto quel mondo cattolico che vuole, a qualunque costo, trascinare tutta la Nazione nell’oscurantismo più becero e per sua natura violento, di un mondo cattolico che ormai sempre più spesso dimentica che la loro religione si basa su una legge universale che ognuno dovrebbe mettere in pratica in ogni momento della propria vita: “Ama il prossimo tuo come te stesso”.

E invece ieri hanno sancito, ancora una volta, che non sono i discriminati, i bullizzati, gli esclusi, tutti coloro che quella legge doveva proteggere, a essere tutelati ma i carnefici, coloro per i quali si è resa necessaria una proposta di legge, considerato che la nostra Costituzione non basta a sancire i diritti umani per tutti.

Nelle settimane e nei mesi precedenti la votazione tutti i partiti si sono espressi a favore di una legge che colmasse con urgenza questo vuoto normativo, tra chi sosteneva il Ddl Zan tout court e chi spingeva per una sua modifica, ma alla prova dei fatti, al riparo nel voto segreto, la maggioranza al Senato ha preferito ad una legge di civiltà, quand’anche perfettibile, nessuna legge.

Noi, come associazione antimafie Rita Atria, rimandiamo al dibattito politico, quello vero, le altre considerazioni su un iter parlamentare condotto talmente male, o in malafede, che l’epilogo era pressoché scontato, un epilogo che se per molti sarà occasione per raccattare voti, per altri sarà la discriminazione, sarà il pestaggio, sarà la porta chiusa sui posti di lavoro …

E continueremo a lottare affinché non siano le logiche di convenienza e sopravvivenza dei partiti a prevalere ma la tutela della vita e della dignità umana.


ASSOCIAZIONE ANTIMAFIE RITA ATRIA

Sull'autore

Alessio Di Florio

Alessio Di Florio

Militante comunista libertario e attivista eco-pacifista, collaboratore di Wordnews.it e referente abruzzese dell’Associazione Antimafie Rita Atria e di PeaceLink, Telematica per la Pace. Collabora con Pressenza, Giustizia.info, QcodeMagazine, Comune-Info e altri siti web. Autore di articoli, dossier e approfondimenti sulle mafie in Abruzzo, a partire da mercato degli stupefacenti, ciclo dei rifiuti e "rotta adriatica" del clan dei Casalesi, ciclo del cemento, post terremoto a L'Aquila, e sui loro violenti tentativi di dominio territoriale da anni con attentati, intimidazioni, incendi, bombe con cui le mafie mandano messaggi e tentano di "marcare" la propria presenza in alcune zone, neofascismo, diritti civili, denunce ambientali tra cui tutela coste, speculazione edilizia, rischio industriale e direttive Seveso.