Telejato

 Ultime Notizie
  • Due anni fa ci lasciava Vito Mollisi, pittore partinicese di fama internazionale Il 30 marzo 2018 si spegneva a Partinico il pittore Vito Mollisi Sono passati due anni dalla morte di Vito Mollisi, pittore partinicese di fama mondiale. Un’infanzia segnata da momenti...
  • Due anni senza Francesco Buzzotta Due anni fa ci lasciava Franco Buzzotta. Il ricordo di Telejato Sono passati due anni dal tragico incidente stradale in cui ha perso la vita Francesco Buzzotta, storico collaboratore di...
  • Buon compleanno Pino Maniaci Oggi il nostro direttore compie 67 anni. Giuseppe Maniaci, classe 1953. Una vita intensa e travagliata la sua. Fatta di alti e bassi. Rileva la televisione Telejato nel 1999. Una...
  • Un compagno Grande la vita difficile di Lillo Venezia I Siciliani ricordano con affetto e orgoglio Lillo Venezia, uno dei primi redattori dei Siciliani di Giuseppe Fava. Subito dopo l’assassinio del direttore...
  • Primavera 2020   Il diario del giorno Oggi 21 marzo. “Il primo giorno di primavera”, cantavano i Dik Dik in altri tempi. È l’equinozio di primavera, cioè aequa nox, la notte è uguale...
  • Siamo in un Vasto… regno? Come scrisse il grande Flaiano, c’è sempre qualcuno che continua a spostare quella maledetta soglia. Depressioni, ansie, attacchi di panico, capelli strappati e pianti improvvisi. Agli angoli delle strade, nei...

Memoria e Ricordo

Memoria e Ricordo
maggio 23
14:30 2015

Cari Colleghi, Cari Concittadini,

“23 maggio 1992. Giovanni, Francesca, Vito, Rocco e Antonio, colpevoli di fare ciò che tutti avrebbero dovuto, ma non fecero, consacrano le loro vite all’immortalità della memoria. Figli di quelle stragi, in tanti scegliemmo di indossare una divisa per onorare quella memoria.. e tutto ciò che é stato fatto e sarà fatto, sarà solo e per sempre una infinitesima parte di ciò che quella pesantissima eredità che ci hanno lasciato continua a meritare.. Nel sangue dei martiri c’è il fiore di una speranza che da 23 anni soffia sull’Italia intera rendendola ogni giorno un posto migliore, nonostante ancora in tanti sembrano non volerLa tale. Dal sito di Capaci, come da via D’Amelio, non spira più morte, ma vita e speranza.. Sono vivi per sempre, per sempre con noi..”

E’ tanto tempo che proviamo a urlare il nostro disappunto, la nostra rabbia, lo sdegno e la vergogna per le condizioni di lavoro in cui versano gli uomini e le donne della Polizia di Stato. Abbiamo denunciato che i colleghi sono costretti ad usare i rimasugli di cui sono in possesso, usando anche capi del vestiario invernale in piena estate, abbiamo denunciato che i colleghi delle scorte sono costretti ad usare auto vecchissime e malfunzionanti, in continua riparazione, che non fanno in tempo ad uscire da una officina che vi devono rientrare, con dei costi insensati che si moltiplicano nel tempo, lasciando un parco auto vetusto inefficiente e pericoloso.

Abbiamo chiesto chiarimenti e spiegazioni e chiedendole, ponevamo delle domande a noi stessi su quali intenzioni, considerazione, progetti o idee avesse questa classe di governo riguardo alle donne e agli uomini della Polizia di Stato. Forse non lo sanno, ma i poliziotti si sentono traditi, abbandonati, scoraggiati, oltraggiati e offesi nei fatti, giorno dopo giorno.

Chiedere un immediato intervento del Superiore Dipartimento era un obbligo morale. La risposta ricevuta è stata una vera offesa alla nostra intelligenza e dignità umana e professionale. Ci è stata rappresentata una lista di automobili a loro dire in carico al Reparto Scorte, contenente invece auto già rottamate, non marcianti e con centinaia di migliaia di km alle spalle. NOI NON POSSIAMO, NON DOBBIAMO E NON VOGLIAMO SOPPORTARE OLTRE.

Abbiamo onorato e onoreremo giorno per giorno i nostri colleghi caduti in quelle stragi che ancora oggi chiedono VERITA’ e GIUSTIZIA! Questi sono i giorni della memoria dei colleghi del Reparto Scorte che hanno perso la vita in servizio. E’ immorale ed inaccettabile dover assistere alle solite passerelle proprio nel momento in cui i colleghi del Reparto, ma anche del resto della Polizia di Stato in generale, si sentono più abbandonati.

Non ci si può “ricordare” dei colleghi delle Scorte solo 2 volte l’anno ed in occasione di sterili passerelle che assicurano solo visibilità a politici che di Polis e della sua sicurezza sono poco accorti. Per questo volantiniamo questa lettera il 23 maggio, dalle 20 al teatro Golden, dove incontreremo la società civile che fa memoria.. e non si limita a ricordare come tanti..

Palermo 23/05/2015

LA SEGRETERIA PROVINCIALE SIAP