Telejato

 Ultime Notizie
  • La campagna olearia in Sicilia Annata ricca, massaru cuntentu È il titolo di una famosa commedia di Nino Martoglio. E la campagna olearia di quest’anno, si può dire sin da adesso non un’annata ricca, ma...
  • L’agricoltura italiana parla cinese Se n’è parlato nel febbraio 2016, qualche giornale, compreso il Corriere e il Sole 24 ore ha agitato lo spettro di un totale controllo cinese sull’agricoltura italiana, poi il silenzio....
  • Avete rotto il cazzo “Post politicamente, moralmente e istituzionalmente scorretto”. Tratto dal blog Acidorsa Sono 20 anni che lavoro di cui 17 in comunicazione e relazioni pubbliche. Sulla mia strada ho fatto, visto e...
  • Protestano i lavoratori della cava Pellegrino di Custonaci Protesta dei lavoratori della cava Pellegrino di Custonaci che, per colpa dell’Agenzia dei beni confiscati hanno perso il posto Quello che sta succedendo ai 32 lavoratori dell’azienda Group Pellegrino Import...
  • Auguri, anzi disauguri per tutti quelli che non lavorano È di moda in questo periodo fare gli auguri. “Auguri” può essere una semplice, banale e formale parola detta al conoscente che s’incontra per strada o al commesso del supermercato...
  • Scandalo Saguto, sequestrati i beni di Cappellano Seminara Il Tribunale del Riesame conferma il sequestro di beni nei confronti dell’avvocato Gaetano Cappellano Seminara. Restano bloccati le quote societarie della Legal Gest Consulting e le disponibilità finanziarie dell’indagato fino a...

La neo commissaria Ferrara incontra i sindaci

La neo commissaria Ferrara incontra i sindaci
Febbraio 19
16:00 2015

Prima riunione tra la neo commissaria straordinaria Loredana Ferrara e i sindaci soci dell’Ato rifiuti Palermo 1

L’assemblea si è svolta questa mattina in un luogo insolito, la Real Cantina Borbonica di Partinico. Porte chiuse alla stampa, mentre fuori carabinieri e polizia presidiavano l’esterno della struttura. La società sta attraversando un momento molto difficile. I dipedendenti sono senza stipendio da almeno due mesi e l’Ato come è noto non ha più soldi in cassa per garantire il servizio. Ad aggravare il caos già esistente la mancata fornitura dei compattatori da parte della ditta Ecoburgos che vanta un credito di oltre due milioni di euro. Sul bilancio dell’Ato pesa anche un debito con l’ex Amia che potrebbe trasformarsi in un pignoramento nei confronti del comuni soci che vivono una drammatica crisi economica. Una situazione esplosiva con gli operai sul piede di guerra. Con pochi mezzi a disposizione la raccolta nei paesi avviene a rilento. Oggi i sindaci cercano di trovare una soluzione anche se probabilmente si tratterà un ulteriore pezza per galleggiare qualche altra settimana. Secondo quanto è trapelato dalla riunione, si è discusso della possibilità di avviare il metodo dei cosiddetti “centri di costo”, ovvero ogni comune che paga le fatture, otterrà il servizio perchè i soldi versati andranno a coprire direttamente il costo dei dipedendenti e dei mezzi impiegati nei singoli paesi che sono in regola con i pagamenti. Chi non paga invece, non avrà compattatori e operai. Si tratta di un’ipotesi che circola da tempo che fino ad oggi però non è stata attuata.


Sull'autore

Redazione

Redazione