Telejato

Nuovi controlli a Ballarò

Nuovi controlli a Ballarò
Novembre 27
16:00 2014

Commerciante di frutta e verdura arrestato dai carabinieri per furto energia elettrica a ballaro’. Un secondo arresto eseguito nei confronti sorvegliato speciale a monreale

È accaduto a Palermo, nel corso di un’attività di controllo del territorio svolta nel quartiere di Ballarò, allo scopo di contrastare episodi di illegalità ed abusivismo nel tardo pomeriggio di martedì.I Carabinieri del Nucleo Radiomobile traevano in arresto nella flagranza di reato Roberto PASCA, nato a palermo, ivi residente, noto alle forze dell’ordine, commerciante, essendo stato sorpreso a sottrarre clandestinamente energia elettrica, mediante allaccio abusivo alla rete della società Enel. Il prevenuto, è stato sorpreso ad alimentare la propria attività stabile di rivendita su strada di frutta e verdura, in piazza del Carmine.L ’attività commerciale, sprovvisto di misuratore era collegata illecitamente a mezzo di un cavo elettrico diretto alla rete elettrica pubblica, che alimentava l’illuminazione composta da 20 lampade da 500 watt ciascuno. I militari hanno quindi richiesto l’intervento di personale specializzato della Società Enel, per il distacco e ripristino dell’allaccio abusivo alla rete pubblica. L’arrestato, nella giornata di ieri è stato sottoposto a rito direttissima conclusosi con la convalida dell’arresto e la sola misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, pertanto rimesso in libertà. Analogamente, a Monreale, in via Ponte Parco , i Carabinieri della locale Compagnia coadiuvati da tecnici della società Enel, traevano in arresto per furto aggravato Mario DI CRISTINA, nato a Palermo, disoccupato, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno; poiché, a seguito controllo, si era reso responsabile di aver alimentato la propria abitazione mediante allaccio diretto alla rete elettrica pubblica. Il prevenuto ha inoltre violato la prescrizione di “rispettare la legge e vivere onestamente” imposto dalla misura cui è sottoposto. L’arrestato ristretto in regime di arresti domiciliari, in attesa di citazione diretta a giudizio, si è concluso con la convalida dell’arresto e la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, pertanto rimesso in libertà. Complessivamente gli arresti e le denunce, eseguite dai Carabinieri dall’inizio dell’anno fino ad oggi, relativi ai furti di energia elettrica contano 129 persone tratte in arresto, di cui 114 uomini e 15 donne e 136 persone denunciate in stato di libertà di cui 95 uomini e 41 donne.

Sull'autore

Redazione

Redazione