Telejato

Trentacinque anni fa l’omicidio del magistrato Ciaccio Montalto: “Ha pagato il prezzo più alto”

Trentacinque anni fa l’omicidio del magistrato Ciaccio Montalto: “Ha pagato il prezzo più alto”
Gennaio 25
21:21 2018

Gian Giacomo Ciaccio Montalto (Milano, 20.10.1941 – Valderice, 25.1.1983)

Trentacinque anni fa veniva assassinato Ciaccio Montalto, magistrato di eccezionali capacità investigative.

Ciaccio_montaltoSostituto procuratore di Trapani, a partire dal 1971, svolse indagini sui clan trapanesi dediti al traffico di droga, al commercio di armi, alla sofisticazione di vini, alle frodi comunitarie e agli appalti per la ricostruzione del Belice, e sui collegamenti tra mafia trapanese e Cosa nostra americana. Era la memoria storica della procura di Trapani. Fiutava i soldi dei boss nei conti bancari e da questi scopriva le attività dei mafiosi e le relazioni con l’imprenditoria e la politica. Lavorava a stretto contatto con le forze dell’ordine in strada. Fu eliminato a colpi di pistola proprio davanti la sua villetta a Valderice. L’auto non era blindata e il magistrato non possedeva nemmeno la scorta. Il corpo venne ritrovato la mattina del 26 gennaio sui sedili della sua auto. Aveva quarant’anni e lasciava la moglie e tre figlie. Entro poche settimane, si sarebbe dovuto trasferire, su sua richiesta, in Toscana. Era la prima volta che la mafia trapanese uccideva un uomo dello stato. Indagava anche ad Alcamo, convinto che vi fosse una delle più grosse raffinerie siciliane di droga del mondo. E infatti c’era, ma verrà scoperta dopo. Si racconta che Mariano Agate, capo mandamento di Mazara del Vallo, nel 1982 in carcere, passò un giorno in un corridoio e rivolgendosi a un mafioso alcamese, Giuseppe Ferro, disse: “Ciaccino arrivau a stazione”.

Dal blog Senza memoria, viaggio nella storia dimenticata le parole di sua figlia Marene: “Posso dire che aveva 41 anni. Era nel fiore della sia vita e la amava in tutte le sue forme. Amava la musica. Il mare e la libertà, di pensiero, di parola, di fare il proprio lavoro con scrupolo e dedizione, ha pagato il prezzo più alto. Lo ha pagato per tutti, anche per quelli che girano la testa e tacciono”.


Sull'autore

Salvo Vitale

Salvo Vitale

Salvo Vitale è stato un compagno di lotte di Peppino Impastato, con il quale ha condiviso un percorso politico e di impegno sociale che ha portato entrambi ad opporsi a Cosa Nostra, nella Cinisi governata da Tano Badalamenti, il boss legato alla Cupola guidata negli anni Settanta da Stefano Bontate.