Telejato

Terrasini e Cinisi: notte di incendi e danneggiamenti

Terrasini e Cinisi: notte di incendi e danneggiamenti
Gennaio 14
00:48 2015

Notte di incendi e danneggiamenti tra Terrasini e Cinisi. Colpita la tabaccheria di Via Benedetto Saputo, a pochi passi dal lungomare Peppino Impastato. Ignoti intorno alle due di notte hanno lanciato una bottiglia incendiaria contro il distributore automatico delle sigarette. A notare le fiamme, una pattuglia dell’Istituto di Vigilanza Ksm che stava effettuando il consueto controllo del territorio. In pochi minuti le fiamme hanno danneggiato l’ingresso dell’attività commerciale. A spegnere il rogo sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di Partinico. Sul posto anche i carabinieri per i  rilievi di rito.

Un incendio è stato appiccato pure all’ingresso di una palazzina di Via Ruffino 2. Le fiamme hanno annerito una parte della facciata.

Sempre stanotte c’è stato pure un danneggiamento ai danni di una farmacia in via Padre Cataldo. In frantumi la vetrata dell’attività commerciale. Dai locali però non è stato portato via nulla. Un episodio simile si è verificato anche in un edicola a Cinisi in Corso Umberto. Si sta cercando di risalire ai responsabili acquisendo le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza.

Gli ultimi due casi comunque sembrano essere tentativi di furto.

Salgono a cinque dunque gli attentati incendiari nel giro di pochissimo tempo. Il più grave si è consumato nella notte tra venerdì e sabato quando qualcuno è arrivato perfino a lanciare una molotov contro la caserma dei carabinieri.

Qualche giorno prima era stato preso di mira una parrucchieria in Via Vittorio Emenauele Orlando. Davanti l’esercizio commerciale ignoti gli avevano lanciato uno pneumatico in fiamme. Qualche giorno prima di Natale era stata colpita un’attività di pub-ristorazione sul lungomare. I carabinieri stanno cercando di capire se gli episodi siano tutti collegati tra di loro. Nei cinque attentati incendiari è stata accertata la matrice dologa dei roghi.

Tags
Condividi

Sull'autore

Redazione

Redazione