Telejato

Partinico, scoperta fonderia clandestina

Partinico, scoperta fonderia clandestina
Novembre 22
17:44 2014

Una fonderia clandestina e un deposito di ricambi d’auto scovati dalla Polizia nella borgata Parrini a Partinico

L’odore acre e il fumo nero che proveniva da un magazzino di via Madre Teresa di Calcutta nella borgata dei Parrini a Partinico ha spinto i residenti ad allertare la Polizia e vigili del fuoco che immediatamente giunti sul posto hanno dovuto forzare il lucchetto del cancello che delimitava l’area. Una volta dentro hanno seguito la scia di fumo che fuorisciva dal magazzino e si sono trovati davanti quattro pregiudicati, che all’arrivo della Polizia non sono riusciti a fuggire. I quattro avevano messo su un laboratorio abusivo per ricavare materiale come rame, alluminio, ferro ma nel deposito c’erano pure componenti di autovetture e motocicli: parti di carrozzeria, pneumatici e così via. Identificati i quattro sono stati condotti al commissariato di Partinico. B.V., P.D., V.V., T.S. tutti partinicesi con precedenti penali, sono stati denunciati a piede libero con l’accusa di aver creato una discarica abusiva per lo smaltimento illecito di rifiuti speciali e per inquinamento ambientale. La Polizia ha posto sotto sequestro il magazzino e il materiale custodito all’interno, sigilli pure al terreno circostante. L’attività dei quattro potrebbe essere collegata ad un giro più vasto, legato presumibilmente ai frequenti furti di rame sul territorio ma anche alla raccolta illegale di ferro

Sull'autore

Redazione

Redazione