Telejato

Palermo: sorpresi a depredare uno storico edificio

Palermo: sorpresi a depredare uno storico edificio
Febbraio 17
16:28 2015

PALERMO: LA POLIZIA DI STATO ARRESTA DUE MALVIVENTI SORPRESI A DEPREDARE UN STORICO EDIFICIO DELL’ARCHITETTURA SETTECENTESCA PALERMITANA.

La Polizia di Stato, ieri pomeriggio, ha tratto in arresto i palermitani Francesco Tuzzolino, 24enne della “Kalsa” e Salvatore De Lisi, 28enne della zona “Marina”, poiché ritenuti responsabili del reato di furto aggravato in concorso.

Quella degli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, oltre che una azione di repressione del crimine, è stata, indirettamente, una operazione di salvaguardia del patrimonio artistico cittadino.

I due malviventi avevano, infatti, già da qualche minuto “puntato” lo storico palazzo “Bonagia” di via Alloro.

Fiore all’occhiello dell’architettura civile settecentesca, ridotto ad un rudere dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, la storica struttura, di proprietà dell’azienda “Arnas”, era stata sottoposta da qualche anno ad una operazione di restauro che prometteva di tornare a fare risplendere uno dei tanti gioielli del patrimonio storico palermitano.

Ieri pomeriggio, Tuzzolino e De Lisi hanno rischiato di vanificare gli esiti parziali di quest’ opera di cosmesi architettonica: dopo aver divelto il muro di cinta che delimita l’area di pertinenza dello stabile vi si sono introdotti raggiungendo un balcone a terrazza della struttura.

L’allarme è scattato quando una pattuglia in servizio di prevenzione e controllo del territorio ha notato gli strani movimenti dei malviventi: tempestivamente, numerose altre pattuglie sono giunte a cingere l’edificio.

I poliziotti, entrati nell’area di pertinenza attraverso una fenditura sul muro, probabilmente creata dagli stessi ladri, li hanno raggiunti ed ammanettati, nonostante un improbabile tentativo di fuga.

Tuzzolino e De Lisi avevano già portato a termine l’opera di smantellamento di mattonelle in cotto da una ampia porzione di terrazza: plausibile e paradossale che il loro obiettivo, più che il prezioso “cotto” fosse il sottostante impianto di grondaie in rame che, per altro, era già stato asportato e pronto per essere portato via.

Tuzzolino e De Lisi hanno agito con un terzo complice riuscito a fuggire ma alla cui identità gli agenti sono già risaliti.

Condividi

Sull'autore

Redazione

Redazione