Telejato

Operazione Kelevra: nuova udienza e nuovo rinvio

Operazione Kelevra: nuova udienza e nuovo rinvio
Marzo 14
15:17 2017

Nuova udienza per gli imputati dell’operazione Kelevra e nuovo rinvio, anzi doppio rinvio, uno al 27 marzo per i mafiosi di Borgetto e l’altro al 5 aprile per Pino Maniaci, poiché gli avvocati della difesa il 27 non potevano presenziare.

L’udienza si è aperta con la lettura della decisione, da parte del GUP Gabriella Natale, di respingere la richiesta avanzata dagli avvocati Parrino e Ingroia, difensori di Pino Maniaci, di stralcio della posizione del loro imputato da quella degli altri imputati non essendoci elementi che potevano costituire un filo comune: in tal senso è stata quindi accettata la richiesta del PM, contraria allo stralcio. Il giudice ha quindi invitato le difese a relazionare sui loro imputati, ma nessuno di queste si è detto pronto per farlo.

Si aspetteranno pertanto le prossime date per sapere se gli imputati saranno rinviati a giudizio o mandati a casa. Maniaci chiede e spera nel rinvio, perché vuole chiarire la sua posizione e vuole individuare elementi e strategie che hanno concorso a “criminalizzare” la sua posizione.

Curiosità: l’imputato Giambrone, detto u Stagnalese ha chiesto che sia smentita l’affermazione fatta nel telegiornale di Telejato relativo alla scorsa udienza, nel quale si diceva che egli avrebbe mandato un bacio a Pino Maniaci. Non è vero. Forse il bacio era inviato a qualche bella donna che stava vicino a lui ed egli ha capito male. Quindi, signor Giambrone, chiediamo scusa e rettifichiamo.

Altra curiosità: Nicolò Salto ha chiesto di accedere al patrocinio gratuito, in quando il suo reddito si limita a una pensioncina, e non può permettersi, mischinu, di pagare un avvocato. Ha chiesto inoltre, in considerazione delle sue precarie condizioni fisiche e di salute, di potere esser messo agli arresti domiciliari. Il GUP si è riservato di decidere se fargli fare un Salto verso la sua casa di  Borgetto o verso il carcere speciale di Bari, dove si trovava prima.

Sull'autore

Redazione

Redazione