Telejato

L’Europa è sotto assedio dopo gli attentati di Bruxelles

L’Europa è sotto assedio dopo gli attentati di Bruxelles
Marzo 24
21:14 2016

Dopo gli attentati di Bruxelles serve una risposta seria dalla politica. Su due piani: la collaborazione vera tra Stati e la condivisione dei cittadini.

01Bruxelles sanguina e l’Europa è sotto assedio. La capitale del Belgio è stata teatro di un attacco jihadista assai simile a quello che il 13 novembre 2015 ha investito la capitale della Francia. Il livello di allarme in tutto il Belgio resta 4, il massimo previsto. Capitale blindata, traffico impazzito, linee telefoniche intasate, aeroporto chiuso, treni bloccati, metropolitana sbarrata, esercito nelle strade: Bruxelles è paralizzata e isolata dopo gli attentati. Il terrorismo non si sconfigge con misure di sicurezza estreme, che ovviamente in alcuni casi servono, ma con l’intelligence, con l’infiltrazione, con la conoscenza, con lo scambio di informazioni. E questo è il primo livello. Tutti i capi di governo europei che hanno parlato  dopo la strage di Bruxelles hanno citato la necessità di essere uniti, della solidarietà. Alcuni, come Matteo Renzi, hanno chiamato l’Unione europea alle sue responsabilità. Ecco, diciamoci la verità, detto che l’Unione europea, come tale, non ha praticamente nessun potere in questo campo, che gli stati hanno riservato, forse anche giustamente, alla loro competenza, va anche detto che appelli simili ne abbiamo sentiti tanti, ma di collaborazione ancora se ne vede poca.

I servizi segreti sono gelosi delle proprie informazioni, magari passano qualcosa ai paesi amici (tranne poi scoprire quanto si sorveglino in maniera incrociata) ma, e qui è il nocciolo, non si fanno ricerche insieme, non si lavora a comporre il mosaico. Una piccola informazione, all’apparenza insignificante, raccolta in Slovenia, se condivisa con altre simili trovate in Austria, in Francia o in Germania può fornire invece una pista decisiva. Nel caso del Belgio tutto, uomini, armi, esplosivi, ha viaggiato per mezza Europa, ha passato confini, controlli, ma poi si scopre che nulla era stato messo a sistema, che un’identificazione della polizia austriaca non era mai arrivata a quella belga o francese. Renzi e gli altri capi di stato o di governo europei che chiamano alla solidarietà e all’unità dovrebbero fare un passo vero verso la collaborazione, tocca a loro muoversi, sono i capi dei governi che possono davvero dare il via ad un processo virtuoso.

Ecco perché le democrazie hanno bisogno di una nuova coalizione per fronteggiare e combattere il primo avversario totalitario del XXI secolo. Poi c’è il secondo aspetto, i cittadini inermi cosa possono fare? Serviranno nuove leggi, che tutelino nel contempo sicurezza e libertà. Spesso queste due cose si limitano l’un l’altra, maggiore sicurezza spesso vuol dire maggiori controlli, dunque libertà di movimento per lo meno più lenta.. Per questo ci vuole condivisione, la politica deve fare la sua parte, assumersi le sue responsabilità, ma trovando il consenso dei cittadini, altrimenti il meccanismo di sicurezza non potrà funzionare, gli animi si scalderanno, l’intolleranza cieca e soprattutto inutile prenderà il sopravvento.

Sull'autore

Fabio Bono

Fabio Bono