Telejato

Lentini, consiglio comunale: attenzione puntata sul plesso scolastico Vittorio Veneto

Lentini, consiglio comunale: attenzione puntata sul plesso scolastico Vittorio Veneto
Ottobre 23
22:05 2015

Attenzione puntata sulle condizioni strutturali dei plessi scolastici cittadini. Un punto all’ordine del giorno, quello del consiglio comunale del 15 ottobre, dedicato quasi esclusivamente alla scuola Vittorio Veneto, che ha registrato in aula diverse presenze.

Al centro dei dibattiti, una relazione a firma dell’ing. Alfio Russo coordinatore del terzo settore, dalla quale si evince che non esistono le condizioni minime per mantenere il primo istituto comprensivo Vittorio Veneto aperto. A darne nota è stato l’assessore al ramo, Santino Ragazzi. La scuola, però, risulterebbe avere ottenuto l’adeguamento antisismico e antincendio nonostante l’ing. Russo abbia redatto una proposta di ordinanza di chiusura della Vittorio Veneto, che purtroppo non è stata mai presa in esame.

10929970_427627450724122_4118502605607205031_nIndignati i consiglieri comunali di opposizione: “La posizione attuale dell’ente in tema di sicurezza dell’edificio che ospita l’istituto Vittorio Veneto, non è affatto condivisibile – dichiarano – l’incolumità degli alunni è a rischio e non possiamo stare con le mani in mano”.

“Secondo un documento di cui ho preso visione – dice il consigliere Battiato – il comune di Lentini il 3 aprile 2015 ha partecipato ad un bando per il finanziamento di un progetto di ristrutturazione della Vittorio Veneto, pari ad € 1.500.000 di cui € 800.000 a carico del MIUR e € 700.000 a carico del comune che è stato ammesso a tale finanziamento. Ovviamente il mancato reperimento delle 700.000 euro a carico del comune di Lentini impedirà al comune di ottenere gli € 800.000 da parte del MIUR. Ed invero – continua – poiché l’art. 249 del TUEL stabilisce che gli enti in dissesto finanziario non possono contrarre nuovi mutui e d’altra parte il comune di Lentini non potrà reperire le € 700.000 nelle proprie casse, appare scontato che perderà il finanziamento di cui stiamo parlando. Sarebbe più corretto dire che non avrebbe mai potuto ottenerlo perché il comune di Lentini – conclude – partecipa al bando il 3 aprile mentre il dissesto era stato già dichiarato il 16 gennaio 2015″.

Sull'autore

Danilo Daquino

Danilo Daquino