Telejato

Qualche riflessione per augurarvi un Buon 2015

Qualche riflessione per augurarvi un Buon 2015
Dicembre 31
13:26 2014

Viva l’informazione libera, la Legalità e la lotta alla mafia, quella vera!

Loghi TJ 1Agli stronzi, a chi porta a termine la propria vendetta su degli animali; ai Pezzi di Merda, a chi per “Questioni d’onore” scioglie bambini nell’acido; ai Bastardi, a chi detiene la presunzione di manovrare a proprio uso e consumo il Paese; ai vigliacchi, ai professionisti dell’antimafia, ai corrotti e corruttori: ai mafiosi, a questa sottocategoria di categoria umana, che negli anni si sono divertiti a mettere in atto nuove stragi e assassinare chi si ribellava alle loro idee… Buon Anno! Anzi no. Io Buon Anno lo voglio augurare a chi difende i valori più belli e leali, a chi si batte per la Legalità, a chi cerca Giustizia e non vendetta. A chi delle battaglie contro Cosa Nostra, ne ha fatta la propria ragione di vita, come il nostro Direttore Pino Maniaci e a chi non abusa del termine Antimafia per ricavarne un business. Io Buon Anno lo voglio augurare a chi ha paura di lottare in questa Terra Devastata, eppure va avanti sempre a testa alta, con l’inconfondibile luce della speranza che illumina il cammino. A chi ha ben chiaro il concetto di Amor di Patria, a chi, pure di fronte a mille difficoltà, porta in alto la Bandiera Italiana e a chi esercita i propri doveri nel nome della Costituzione. A chi, semplicemente, ogni giorno cerca di risvegliare le menti e le coscienze. A chi si ribella ad ogni illegalità e a chi non ha paura di dire NO ai parcheggiatori abusivi. A chi aiuta concretamente gli imprenditori taglieggiati a denunciare il racket, ma non per fare passerella. Ai giornalisti liberi, a coloro i quali non scendono mai a compromessi e raccontano la realtà così per come lei si manifesta ai nostri occhi, a chi aspira ad un Mondo Pulito senza mafia né corruzione. E così via. Auguri, amici, non arrendetevi mai! La vostra forza e il vostro coraggio, ci danno l’energia necessaria per continuare il nostro percorso. Felice 2015.

Nonostante tutto, l’augurio di buon anno vogliamo farlo anche a chi persevera nel minacciarci nei peggiori dei modi, incendiandoci, per esempio, le auto o colpendoci negli affetti, perché queste persone, se così vogliamo definirle, sono la conferma che il nostro lavoro incide positivamente nella società.

Danilo Daquino

Questo slideshow richiede JavaScript.


Sull'autore

Danilo Daquino

Danilo Daquino