Telejato

Il Procuratore Lo Voi ordina ai magistrati di stare zitti

Il Procuratore Lo Voi ordina ai magistrati di stare zitti
Luglio 19
15:00 2016

L’incontro svoltosi ieri alla facoltà di Giurispudenza di Palermo, per ricordare Paolo Borsellino, organizzato da Antimafia Duemila, si è soffermato, attraverso gli interventi dei vari relatori, sulla recente disposizione con cui il Procuratore capo di Palermo Lo Voi, ordina ai magistrati di non partecipare a pubbliche iniziative e di evitare di rilasciare interviste.

In pratica un bavaglio fascistoide diffuso a pochi giorni della commemorazione dell’omicidio di Paolo Borsellino e della sua scorta. Dietro  questa assurda uscita sembra nascondersi, a voce di Antonio Ingroia, di Bongiovanni, di Salvatore Borsellino, l’intenzione precisa di evitare che si possa parlare della trattativa stato-mafia e che si possa minimamente mettere in discussione l’impostazione di una serie di eventi che vedono ancora coinvolti alcuni personaggi politici, a partire da Napolitano, che ha voluto far distruggere le intercettazioni di telefonate che lo riguardavano, per arrivare a Dell’Utri e persino a Riina, l’unico rimasto, dopo la scomparsa di Provenzano, a conoscere segreti e inconfessabili manovre tra rappresentanti dello stato e delinquenti mafiosi.

Quindi nessuno parli, ognuno se ne stia in silenzio al suo posto, salvaguardiamo l’immagine del tribunale di Palermo che qualcuno ha cercato o sta cercando di infangare e mettiamo tutto a posto secondo quello che noi, quelli che ci comandano e quelli con cui siamo alleati,  riteniamo giusto.

“Sarebbero contenti Falcone e Borsellino, si è chiesto Ingroia, di come agisce oggi buona parte dei suoi ex-colleghi, ovvero di come opera il tribunale di Palermo”. La triste risposta è NO.

Sull'autore

Salvo Vitale

Salvo Vitale

Salvo Vitale è stato un compagno di lotte di Peppino Impastato, con il quale ha condiviso un percorso politico e di impegno sociale che ha portato entrambi ad opporsi a Cosa Nostra, nella Cinisi governata da Tano Badalamenti, il boss legato alla Cupola guidata negli anni Settanta da Stefano Bontate.