Telejato

 Ultime Notizie
  • Montante ha chiesto di parlare in aula Antonello Montante ha chiesto di essere sottoposto ad esame L’ex leader di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, ha annunciato, per la prima volta, di volere parlare in aula e chiesto di...
  • Partinico, la Rao Farmaceutici dona 500 visiere protettive alla città I dispositivi di protezione sono stati presi in carico da Telejato e verranno distribuiti ai cittadini Nei giorni scorsi, la Rao Farmaceutici ha donato 500 visiere protettive alla città di...
  • L’omertoso e vigliacco silenzio del branco Come si muove un branco? “Un bel tacer mai scritto fu” esclamò Ericlea, la nutrice di Ulisse, nel quinto atto dell’opera lirica “Il ritorno di Ulisse” nel 1641. Son passati...
  • Giornalismo Incriminato, linciato, isolato, assolto. La storia di Pino Maniaci, che ha difeso contro gli indegni il palazzo di Falcone e Borsellino. E adesso, amici miei, continueremo a lasciarlo solo? 22...
  • Libera stampa? Esiste ancora? Un appello ai (pochi?) giornalisti liberi L’appello dell’avvocato ed ex pm antimafia Antonio Ingroia Pino Maniaci tre giorni fa è stato assolto con formula piena dall’accusa infamante di essere un estortore dei politici locali siciliani, fra...
  • Recovery Sud. Presidente Draghi, le mafie sono in agguato Il Governo Draghi ha l’obbligo di evitare che i soldi stanziati per il Sud finiscano nelle tasche delle mafie collegate alle Istituzioni locali. Il Meridione d’Italia, purtroppo, in larga parte,...

Dallo Stalking alla possibile resa dei conti

Dallo Stalking alla possibile resa dei conti
Luglio 02
17:09 2015

Da mesi va avanti la battaglia condotta dalla nostra emittente contro gli abusi commessi dagli amministratori giudiziari nella gestione dei beni sequestrati ai presunti mafiosi.

Dopo tre anni di inchieste diverse centinaia di servizi, alcuni dei quali condivisi con realtà come le Iene e il Fatto Quotidiano qualcosa si è mosso. A dir la verità, altre poche realtà hanno voluto vederci chiaro e il silenzio che ha oscurato le nostre denunce sembra essersi rotto e dopo la querela sporta dall’avvocato Cappellano Seminara per stalking nei confronti di Pino Maniaci, qualcuno anche in commissione nazionale antimafia sembra aver colto la gravità della situazione.

Pino Maniaci è stato ascoltato nei mesi scorsi dalla commissione nazionale antimafia in occasione della stesura della relazione su giornalisti e mafia dell’onorevole Claudio Fava, che ieri ha presentato il testo nella commissione presieduta dall’onorevole Bindi. In quella audizione Maniaci espose alla commissione il contenuto delle nostre inchieste che ci hanno portato ha considerare l’esistenza di una mafia dell’antimafia. L’audizione venne immediatamente secretata e la commissione d’inchiesta confermò in quell’occasione che ci sarebbero state altre audizioni per approfondire la vicenda. Da allora il silenzio, silenzio che abbiamo rotto con i servizi che abbiamo prodotto in collaborazione con le Iene e che hanno portato alla ribalta nazionale l’avvocato Cappellano Seminara il “Re” degli amministratori giudiziari, attualmente coinvolto in un processo che si sta celebrando a Roma sulla discarica rumena di Klina che nasconderebbe parte del tesoro di Ciancimino.

Con la relazione che presumibilmente sarà votata a fine luglio contenente un paragrafo su Telejato, le minacce ricevute da Pino Maniaci e l’intervento di ieri dell’onorevole Mattiello si accenderanno forse una volta e per tutte i riflettori sulla nostra inchiesta. Mattiello ieri ha infatti chiesto durante la seduta della commissione antimafia che vengano acquisite le carte del processo che vede coinvolto Seiminara al momento come persona informata dei fatti. Il deputato del Pd ha affermato infatti in un comunicato di aver “chiesto, intervenendo in discussione ieri sera, che la Commissione acquisisca agli atti questa denuncia e che segua il processo in corso a Roma con particolare attenzione, vista la rilevanza della questione anche in relazione all’altro grande tema di indagine della Commissione stessa che è proprio quello dei beni confiscati e del loro trattamento”.

La partita è ancora aperta e dopo tre anni di inchieste divulgate, due servizi alle Iene, una petizione con più di trentamila firme e una quanto mai curiosa querela per stalking sembra proprio che adesso la commissione nazionale antimafia debba prendere in considerazione le nostre denunce. Come dire, meglio tardi che mai anche se a farne le spese in questi giochi della politica sono state le aziende, i lavoratori e le loro famiglie, colpite dalla gestione delinquenziale di alcuni amministratori giudiziari dei beni sequestrati alla criminalità.

Sull'autore

Marco Salfi

Marco Salfi

Studente di Giurisprudenza, ex rappresentante degli studenti, appassionato di politica, informatica e tecnologia.