Telejato

Telejato chiude. O forse no…

Telejato Notizie

Telejato chiude. O forse no…
novembre 19
17:55 2015

 

Suona il cellulare. È Pino, crudo, freddo, senza giri di parole: “Giorno 2 dicembre Telejato chiude”.

In un primo momento mi sembra uno dei tanti falsi allarmi cui mi ha abituato, ma avverto che sotto c’è qualcosa di più serio e più grave e corro alla televisione. È nero. Comincia con lo “switch off”, una delle poche parole di inglese che ha dovuto imparare per forza di cose, la sigla con cui si è definito il passaggio al digitale terrestre, che in Italia è stato completato il 4 luglio 2012. Da allora sono state emanate norme e bandi che prevedevano la formazione di gruppi di televisioni private, il bouquet, ai quali sarebbe stato attribuito un punteggio per l’assegnazione delle frequenze, sulla base del personale, dei mezzi tecnici e di altri parametri.

Telejato, come tutte le televisioni comunitarie, era destinata a chiudere, anche perché, data la sua “specifica” caratteristica di “onlus” non aveva alcun punteggio da offrire a qualche bouquet più qualificato. Partì allora una petizione che raccolse in breve tempo 70 mila firme, con la richiesta al Ministero degli affari economici di trovare uno spazio per Telejato è una possibilità per continuare a trasmettere. Fu l’allora ministro Passera a trovare uno spazio in Telemed, al quale aggregare la piccola televisione di Partinico, il tutto sul canale 26. Sono passati quasi tre anni ed è spuntata, a sorpresa, la novità: i canali 26 e 28 devono chiudere, perchè disturbano le televisioni di Malta. La linea 28 appartiene ai soci dell’on. Miccichè, e ad essa è stato dato l’unico canale disponibile sulla piazza, quello di Toluian. Telemed, che è in amministrazione giudiziaria a seguito di un decreto di sequestro emanato dalla dott.ssa Saguto il giorno stesso della scadenza dei termini di 4 anni dalla morte del sospetto mafioso Filippo Rappa, sarà aggregata a TVR, altra televisione del gruppo Rappa, in amministrazione giudiziaria e Telejato rimarrà senza spazio, perché il canale 26 sarà chiuso.

“Quello che non è riuscito alla Saguto e alla sua banda, è riuscito a Malta – dice Pino, incazzato -. Non so quale disturbo possa arrecare Telejato, il cui segnale, solo da poco, arriva a Palermo e parte da Monte Bonifato, sopra Alcamo. Sta di fatto che Malta ha invitato, in un primo tempo l’Italia ad una soluzione, l’Italia non ha partecipato agli incontri, Malta si è rivolta alla corte europea, che gli ha dato ragione. Adesso al ministero non c’è più Passera, ma Guidi (che ha una bella “passera”) e, nei prossimi undici giorni vedremo che cosa hanno intenzione di fare lei e il “patron” Renzi. Io posso annunciare sin da adesso che continuerò a trasmettere, anche a costo di essere arrestato”.

E io sono disposto a farmi arrestare insieme a te. Vedremo quanti di quelli che si sciacquano la bocca sulla difesa della libera informazione, sul rifiuto del conformismo giornalistico, sulla denuncia dei sotterfugi e dei canali sotterranei in cui si muove la mafia, si associa la politica, si aggregano forze occulte e potenti sono disposti a seguirci. Molti tireranno, stanno già tirando un sospiro di sollievo, altri, soprattutto la povera gente che abbiamo da sempre sentito vicina, di cui abbiamo trasmesso i drammi, le voci, i visi, le denunce, i lavoratori e la gente offesa dalle prevaricazioni della mafia e dei cosiddetti “padroni del vapore”, avvertiranno il venir meno di una parte di se stessi, quella che li teneva informati su tutto quanto si consumava sulle loro teste.

Non posso fare a meno di richiamare alla mente quanto ho scritto in “Cento passi ancora” a proposito della chiusura di Radio Aut:

Giovanni R.: -“Volevano farci chiudere e ci sono riusciti. Pensare che avevo ideato una nuova trasmissione: “Senza Mutande”.

Guardo i miei due ultimi compagni con tristezza: – “Siamo noi quelli rimasti senza mutande. Ci hanno ritagliato attorno un cordone sanitario. Sono ancora i più forti”.

Giovanni:- “Comunque, è stato bello. Abbiamo pianto, ma ci siamo anche divertiti.”

Mi siedo alla consolle, davanti al microfono: – “Radio Aut, giornale di controinformazione, che trasmette sui 98 e 800 megahertz. Fine delle trasmissioni. Signori, si chiude. Scusateci se finora abbiamo disturbato il vostro sonno. Adesso potete continuare a dormire. Ma non illudetevi. Comunque e dovunque, in qualche angolo del mondo, ci sarà sempre qualcuno a rompervi i coglioni. Buona notte.”

Metto sul giradischi “Storia di un impiegato” di Fabrizio De Andrè, con la “Canzone del maggio francese”, prima di spegnere tutto“.

Articolo di 

Salvo Vitale
Salvo Vitale



Sull'autore

Salvo Vitale

Salvo Vitale

Salvo Vitale è stato un compagno di lotte di Peppino Impastato, con il quale ha condiviso un percorso politico e di impegno sociale che ha portato entrambi ad opporsi a Cosa Nostra, nella Cinisi governata da Tano Badalamenti, il boss legato alla Cupola guidata negli anni Settanta da Stefano Bontate.