Telejato

La “politica” dei Siciliani

La “politica” dei Siciliani
gennaio 28
15:47 2016

Manca ormai poco alla grande manifestazione di sabato contro la mafia e tutti i poteri mafiosi o collusi. È la prima, su questo tema, dopo le grandi stagioni degli anni ’80 e ’90.

E, come allora, sono stati i “Siciliani” a prendersi la responsabilità di dare il via: ma sono decine di altre associazioni a raccoglierne l’appello e a farsi carico in prima persona, eguali fra loro, dell’organizzazione. Vorrei ora rispondere ad alcune delle domande, più o meno profonde, ma sempre in buona fede, che mi sono arrivate in questi giorni. Lo faccio con un “vecchio” volantino, dell’inizio dei “Siciliani giovani”, nel lontano 1984. Decidete voi se è roba vecchia o se serve ancora.

Riccardo Orioles


Leggi anche:
FUORI LA MAFIA!
IN PIAZZA LA CATANIA ONESTA: VIA CIANCIO, VIA BIANCO!
CATANIA DEI MIRACOLI!

SICILIANI GIOVANI
settembre 1984

– Qual è la politica dei Siciliani/giovani?

“Siciliani/giovani ha una “politica” molto semplice e chiara, e cioè: primo, schierarsi apertamente contro la mafia; secondo, affrontare liberamente tutti i problemi dei giovani: Quanto alla politica ufficiale, quella dei partiti, non siamo né favorevoli né contrari. Semplicemente, non è il nostro campo; chi vuole affrontarlo, può farlo a titolo personale (del resto ci sembra che in questo momento la lotta alla mafia e per una migliore condizione di vita dei giovani siano la cosa fondamentale, senza la quale tutto il resto è poesia”.

– Ma allora a che serve Siciliani/giovani?

“A dare la parola alla gente, a fare parlare i ragazzi in prima persona, direttamente e senza bisogno di nessuno. E quindi a farli contare nella società. Noi non siamo qualunquisti, non diciamo che tutto è uguale e che non vale la pena di far niente. Però non siamo nemmeno ideologici, vogliamo imparare dalla realtà e dalla gente e non dai professionisti della politica”.

– In tutto questo cosa c’entrano “I Siciliani”?

“”I Siciliani” da soli possono riuscire a denunciare la mafia, ma non a creare una mentalità antimafiosa. Non si tratta solo di distruggere la mafia, ma anche di costruire qualcos’altro. Questo qualcos’altro non lo possiamo inventare a freddo, ma deve venire dalla gente, e specialmente dai giovani, liberamente e senza prediche inutili. Si tratta di sviluppare al massimo grado la creatività di ciascuno, perché ciascuno è in grado di contribuire e d’altra parte nessuno oggi è in grado di costruire qualcosa di buono da solo. Si tratta in sostanza di capire come si può fare a vivere meglio, non nelle grandi teorie, ma nella realtà di ogni giorno”.

– Ma questo è un giornale o un’organizzazione?

“Non lo sappiamo ancora, probabilmente l’uno e l’altra. Ma attenzione: un giornale di tipo nuovo, e cioè assolutamente libero e fatto dalla base; e un’organizzazione di tipo nuovo, senza ideologie fisse e soprattutto senza professionisti, ideologie e leaderini. Un’organizzazione tutta da inventare”.

– E come si può fare a mettere in piedi questa organizzazione?

“Non ne abbiamo la più pallida idea. A questo dobbiamo pensarci tutti, strada facendo. Finora abbiamo i gruppi di lavoro su argomenti concreti e il collegamento fra gente di varie scuole. Questo non è venuto fuori perché qualcuno l’ha detto, ma semplicemente perché erano il modo più semplice di affrontare le cose da fare. Anche quando si tratterà di organizzarsi in maniera più ampia, bisognerà continuare a seguire questo metodo, e cioé: prima i problemi concreti: a secondo dei problemi, il tipo di organizzazione, senza troppe teorie”.

– Si è parlato pure di manifestazioni.

“Una manifestazione seria si potrebbe fare, in tutta la Sicilia, per il cinque gennaio: purché non sia una semplice manifestazione ma un modo di ricordare a tutti “tutti” i nostri problemi, da quelli della mafia a quelli della vita quotidiana. Ma anche in questo caso, andiamoci per gradi: prima bisogna che si sia d’accordo tutti e che si discuta fra tutti per tutto il tempo che ci vuole. Non bisogna imporre mai niente “dall’alto” a nessuno”.

– Ma come facciamo a essere certi di non venire strumentalizzati?

“Per quanto riguarda noi Siciliani, non abbiamo interessi elettorali, quindi il problema si pone solo fino a un certo punto. Quello che vogliamo fare lo diciamo apertamente e chiaramente, e non crediamo che possa far paura a nessuno che abbia un minimo di buonsenso. La parola “Siciliani” appartiene a tutti, comunque la pensino su tutto il resto, purché siano d’accordo che bisogna eliminare la mafia. “Siciliani” non è un generale che comanda, è semplicemente una bandiera. Dove portarla, dipende da tutti noi”.

– E gli altri?

“Per gli altri, non possiamo farci niente. Ognuno ha il diritto di parlare, e noi non possiamo censurare nessuno. Sta a noi ragionarci sopra, scegliere fra le varie proposte e, in caso di contrasti, decidere in assemblea. C’è solo da ricordarci che, in ogni caso, le cose importanti non sono le grandi parole ma i fatti concreti, anche se si notano poco”.

Sull'autore

Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Direttore Responsabile di Telejato, è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.