Telejato

Processo Saguto e 18: tra le parti civili anche gli imprenditori con i beni sotto sequestro

Processo Saguto e 18: tra le parti civili anche gli imprenditori con i beni sotto sequestro
luglio 18
12:30 2017

Ieri altra udienza a Caltanissetta del processo che vede imputate 19 persone, ovvero una parte dei componenti del cosiddetto “sistema Saguto” che faceva capo a Silvana Saguto, ex-presidente dell’ufficio misure di prevenzione, del quale facevano parte commercialisti, avvocati e magistrati, a parte i diretti parenti.

Sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere, corruzione, abuso d’ufficio, truffa e falso. Numerose le parti che si sono costituite parti civili e la cui richiesta è stata ritenuta legittima dal gup Marcello Testaquadra, in particolare la presidenza del Consiglio dei ministri, i ministeri dell’Interno e della Giustizia, il Comune di Palermo e tutte le amministrazioni giudiziarie che si occupano dei patrimoni sequestrati (e poi sperperati). Si tratta delle amministrazioni Ingrassia, Rappa, Vetrano, Acanto, Buttitta, Leone e Di Bella. È stata accettata anche la costituzione di parti civili di alcuni imprenditori ai quali la Saguto aveva sequestrato i beni: i Rappa e i Raspanti, e pure Antonio Padovan, il re delle slot machine a cui era stato confiscato un patrimonio da 40 milioni di euro. Sostengono tutti di essere stati danneggiati da “provvedimenti illegittimi”.

E, adesso, davvero una parte dell’antimafia è sul banco degli imputati. L’udienza preliminare proseguirà il 6 settembre, il giudice dovrà anche decidere su un’eccezione di incompetenza territoriale posta ieri dalla difesa del professore Luca Nivarra, l’avvocato Lillo Fiorello, viene chiesto che la posizione venga stralciata e il caso trasferito a Palermo. I pubblici ministeri Maurizio Bonaccorso e Cristina Lucchini si sono opposti all’eccezione di incompetenza territoriale. È stata invece stralciata dal gup dell’avvocato Aulo Gigante, amministratore giudiziario dei beni dei Niceta, per un difetto difetto di notifica. Ora, la procura notificherà nuovamente il provvedimento di chiusura delle indagini, è probabile che presto la posizione di Gigante tornerà ad essere riunita al processo madre. La prossima udienza si terrà dunque a settembre. Non c’è urgenza, “cu or’aviri aspetta”.

Sull'autore

Salvo Vitale

Salvo Vitale

Salvo Vitale è stato un compagno di lotte di Peppino Impastato, con il quale ha condiviso un percorso politico e di impegno sociale che ha portato entrambi ad opporsi a Cosa Nostra, nella Cinisi governata da Tano Badalamenti, il boss legato alla Cupola guidata negli anni Settanta da Stefano Bontate.