Telejato

 Ultime Notizie
  • Libero Futuro, Enrico Colajanni in sciopero della fame 5 mesi dopo l’interdittiva della Prefettura di Palermo che ha escluso Libero Futuro dalla lista delle associazioni antiracket, il presidente Enrico Colajanni annuncia, ai microfoni di Tgr Sicilia, uno sciopero della...
  • Roma, misterioso furto nella notte a casa dell’ex pm Antonio Ingroia Rubati diversi documenti e pen drive Ignoti, nella notte tra martedì e mercoledì, sono passati da una terrazza condominiale e si sono introdotti nell’appartamento romano dell’ex pm Antonio Ingroia, dove hanno...
  • Nuovo sequestro, con confisca dei beni di Carmelo Patti   L’impero dell’ex patron Valtur ammonterebbe a un miliardo e mezzo euro Il 24 novembre 2018 su indicazione della DIA di Palermo e del suo direttore nazionale Governale, è stato...
  • 27 novembre, pagina di diario   Il diario del giorno Oggi è finalmente arrivato l’inverno. C’è un vento assassino, ma per fortuna non abbiamo i danni che il maltempo sta provocando in Calabria. Vogliamo partire...
  • 23 novembre, pagina di diario Il diario del giorno Da qualche giorno non si parla d’altro che del rapimento di Silvia Romano, la ragazza di 23 anni che ha scelto di vivere nel sud del...
  • 22 novembre, pagina di diario   I fatti del giorno, gli approfondimenti e gli avvenimenti passati 55 anni fa, il 22 novembre 1963, venne ucciso John Fitzgerald Kennedy mentre transitava su un’auto scoperta per le vie...

Lentini – Palermo, 36 anni fa veniva ucciso il vicebrigadiere Filadelfo Aparo, valoroso eroe antimafia

Lentini – Palermo, 36 anni fa veniva ucciso il vicebrigadiere Filadelfo Aparo, valoroso eroe antimafia
gennaio 11
16:00 2015

images
Filadelfo Aparo nasceva a Lentini, cittadina sita nella parte est della Sicilia, il 15 settembre 1935.

Entrato a far parte dell’esercito nel 1956, prestò servizio presso le sedi di Bari, Taranto, Nettuno e alla Questura di Palermo, dove operò inizialmente nella sezione antirapina e qualche anno dopo nella squadra “Catturandi”, della quale divenne degno membro, grazie al suo straordinario coraggio. Infatti, proprio per i valori in cui credeva e per la passione, fermezza, audacia che impiegava nel compiere semplicemente il suo Dovere, gli vennero assegnati numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali, nel 1968, l’avanzamento di grado d’appuntato grazie alla determinazione che mostrò all’interno di un’operazione che si concluse con l’arresto di un rapinatore. Ma non solo: nel 1978 venne premiato per essersi distinto all’interno di una importante operazione, nella quale diede prezioso contributo: individuò e bloccò, con quel coraggio che lo ha sempre contraddistinto, due pericolosi latitanti all’interno della propria autovettura, arrestandoli dopo un aggressivo scontro con i due. Tuttavia, la soddisfazione del Vice Brigadiere e della sua famiglia, per i numerosi encomi ricevuti, non fu destinata a durare molto: la mattina dell’11 gennaio 1979, in uno scenario palermitano silenzioso, tormentato dalla criminalità organizzata e non solo, alle ore 8:30 circa, Filadelfo Aparo fu colpito da innumerevoli colpi di arma da fuoco proprio sotto casa, mentre salutava la moglie affacciata al balcone. Il poliziotto non ebbe tempo di difendersi con la pistola d’ordinanza, i colpi da parte dei killer furono determinanti e lo fecero precipitare a terra, spaventosamente sfregiato, sotto gli occhi increduli, tra gli altri, di un suo vicino di casa – anch’esso ferito, non gravemente – il quale pochi secondi prima aveva scambiato con lui qualche parola.

Quel maledetto 11 gennaio, a soli 43 anni, ci lasciava un vero eroe, uno che la mafia l’ha combattuta a fatti e non a parole, con umiltà e con il sostegno dei suoi straordinari valori. Lasciò moglie e tre figli, uno dei quali, a quel tempo, aveva appena un anno.

Nel 1998 il Comune di Lentini gli ha dedicato una via cittadina. Sempre a Lentini, nella giornata di oggi, alle ore 11:00, in occasione del 36° anniversario del suo omicidio, si è tenuta un’omelia in sua memoria, presso la chiesa madre dedicata a Santa Maria La Cava e Sant’Alfio (da poco riaperta dopo i lavori di restauro). Alla cerimonia hanno preso parte molte Autorità civili e militari nonché i parenti del vicebrigadiere e il Sindaco Alfio Mangiameli. Subito dopo un corteo si è recato al cimitero, dove sono stati deposti fiori e corone sulla tomba di Filadelfo Aparo.

I ragazzi della Consulta Giovanile hanno voluto omaggiare il poliziotto lentinese, in occasione del IV forum sulle politiche giovanili, con un murales nei pressi dello Stadio Comunale “Angelino Nobile”.

Per la Polizia di Stato, Filadelfo Aparo, resta «un punto di riferimento per quanti, ogni giorno, con impegno e dedizione, sono al servizio delle istituzioni e della collettività per la difesa dei valori della legalità e della democrazia».

1469940_10204896539527539_4209473076744722185_n

Il Murales realizzato dalla Consulta Giovanile di Lentini


Sull'autore

Danilo Daquino

Danilo Daquino

Nato e cresciuto a Lentini (Sicilia), studente e coordinatore di un'associazione locale. Collabora con la redazione di Telejato Notizie e Telejunior ormai da parecchi anni, come cameraman, intervistatore, scrittore e conduttore del TG, grazie alla sua passione per il giornalismo d'inchiesta che nutre sin da adolescente.