Telejato

I “Siciliani”: pronti a rimettere in piedi “La Sicilia”

I “Siciliani”: pronti a rimettere in piedi “La Sicilia”
settembre 24
22:45 2018

Martedì alle 10:30 al Giardino di Scidà in via Randazzo 27, Catania. CONFERENZA STAMPA dei Siciliani giovani

La fine di Ciancio può e dev’essere l’inizio di un’era completamente nuova dell’informazione a Catania: non affarista, non collusa, non di bavaglio, ma onesta, antimafiosa e libera. E giovane, sull’esempio delle decine e decine di giovani giornalisti che in tutti questi anni sono cresciuti professionalmente e civilmente coi Siciliani, a Catania come a Napoli, a Napoli come a Roma.

Noi dei Siciliani siamo in grado, professionalmente e civilmente, di assumerci l’incarico di traghettare il giornale “La Sicilia” dal giornalismo di Ciancio a quello di Giuseppe Fava.

Possiamo dirlo perché:

– siamo quelli che combattono da trent’anni, fra sacrifici e dolori ma sempre correttamente e umanamente, contro il regime – non solo giornalistico – dei vari Ciancio;

– siamo quelli che hanno formato negli anni una rete estesissima di giornalisti liberi e di testate indipendenti, in tutta Italia;

– siamo quelli il cui livello professionale è attestato non solo dalle passate inchieste contro i vecchi padroni di Catania, ma da quelle recenti in cui abbiamo smascherato per primi, con precisione e indipendenza, gli affari dei vari Montante, Saguto e Ciancio.

Ci mettiamo pertanto a disposizione dei futuri amministratori del bene confiscato “La Sicilia”, e invitiamo tutti i cittadini onesti e i giornalisti amanti del loro mestiere a schierarsi con noi e a sostenere una volta ancora il lavoro dei Siciliani.

La Redazione dei Siciliani giovani

“A che serve vivere, se non c’è il coraggio di lottare?”

Giuseppe Fava


Sull'autore

Redazione

Redazione