Telejato

 Ultime Notizie
  • Trattativa Stato-mafia, Ingroia: “Sentenza storica, giustizia è finalmente fatta” Il commento dell’ex pm Antonio Ingroia, che avviò l’indagine sulla trattativa Stato-mafia. È una sentenza storica, che fa giustizia su una delle pagine più oscure e terribili della storia italiana....
  • Qui Libera Repubblica di Partinico: notiziario del giorno Dal caso Bacchi agli “amici di Salvini”, alle elezioni comunali: le notizie del giorno da Partinico. La prima notizia è di carattere legale. Il tribunale del riesame ha annullato l’accusa...
  • Solidarietà a Borrometi Le minacce non ci fermano “Fallo ammazzare. Ogni tanto un murticeddu vedi che serve… per dare una calmata a tutti”. Così i mafiosi di Pachino stavano pianificando l’omicidio di Paolo Borrometi, il...
  • Processo Maniaci, nuova udienza al tribunale di Palermo Altra udienza al tribunale di Palermo sulla vicenda di Pino Maniaci. Avrebbero dovuto essere presenti come teste d’accusa i tre carabinieri Zappacosta, Tumminia e Magistro, l’ex vicesindaco Spina e il...
  • L’estremo addio a Franco Buzzotta Stamattina alle 10,30 nella chiesa madre di Partinico una grande folla ha dato l’estremo addio a Franco Buzzotta. La salma è arrivata ieri sera, dopo che è stata eseguita l’autopsia,...
  • Francesco Buzzotta: domani i funerali I funerali di Francesco Buzzotta, il collaboratore di Telejato deceduto lo scorso 28 marzo a seguito di un tragico incidente stradale, si svolgeranno domani alle 10.30 presso la Chiesa Madre di...

Emergenza migranti, riconosciuto e arrestato a Palermo uno scafista

Emergenza migranti, riconosciuto e arrestato a Palermo uno scafista
luglio 01
13:38 2015

 

L’emergenza migranti porta con se un carico impressionante di storie umanitarie fatte di “atroci spaccati di povertà, miseria e sfruttamento”. Tuttavia non tutti gli sbarcati sul suolo italiano sono migranti in fuga, sempre più spesso a nascondersi tra i profughi in fuga anche gli scafisti.

La Polizia di Stato  che a Palermo partecipa attivamente all’accoglienza ha identificato e arrestato un cittadino tunisino di 24 anni, sospettato di essere uno degli scafisti che avrebbero condotto un natante soccorso nel canale di Sicilia.

Il mese scorso il vascello battente bandiera Irlandese L.E. Eithne è approdato nel porto del capoluogo siciliano con a bordo 647 migranti che a loro volta erano stati soccorsi in due distinte operazioni di salvataggio, tra loro c’era anche Bairam Ltayef un 24 tunisino che è stato accusato di essere uno scafista, ad inchiodarlo sarebbero state le diverse testimonianze concordanti dei naufraghi partiti dalla Libia.

L’uomo è stato tratto in arresto e risulta recluso presso una locale casa circondariale.

Tra gli stranieri sbarcati, ieri, nel capoluogo anche un cittadino marocchino, il 33enne ABOULFETTAH Adil, è stato tratto in arresto dall’Ufficio Immigrazione. Il marocchino è risultato già colpito in passato da un provvedimento di espulsione quale misura alternativa alla detenzione e da un ordine di carcerazione. L’uomo, pertanto, è stato tratto in arresto per reingresso illegale in territorio nazionale.

Sull'autore

Redazione

Redazione