Telejato

 Ultime Notizie
  • A Partinico c’era la mafia, ora non c’è più Perlustrazione a Partinico, dove c’era una volta la mafia. Adesso c’è l’erba, quella del vicino che è sempre più bella, quella che si dà ai cavalli, “campa cavallo che l’erba...
  • 15 ottobre, pagina di diario   Il diario del giorno Finalmente la nazionale di calcio di Roberto Mancini ha conquistato la sua prima vittoria battendo una Polonia a tratti pericolosa, ma poi preoccupata di non...
  • 12 ottobre, pagina di diario I fatti e gli approfondimenti del giorno Oggi piove sul bagnato. Quindi niente raccolta di olive, per quello che si può trovare. Difficilmente, andando a ritroso negli anni passati, si...
  • Riconsegnati ai fratelli Niceta i beni sequestrati, cioè niente   Dissequestrato il patrimonio dei Niceta Si è chiusa il 9 ottobre 2018 una vicenda iniziata nel 2013 con un ordine di sequestro preventivo prima della Procura di Trapani, (due...
  • 11 ottobre, pagina di diario Il diario del giorno Un’altra piantagione di 500 piante, più quelle già essiccate in apposito impianto, è stata ritrovata a Partinico, a due passi dal centro abitato. Dopo i numerosi...
  • 10 ottobre, pagina di diario Il diario del giorno Il 10 ottobre 1969 esce l’album di debutto della band King Crimson, dal titolo “In the Court of the Crimson King”. L’album fu un successo: il...

Emergenza migranti, riconosciuto e arrestato a Palermo uno scafista

Emergenza migranti, riconosciuto e arrestato a Palermo uno scafista
luglio 01
13:38 2015

 

L’emergenza migranti porta con se un carico impressionante di storie umanitarie fatte di “atroci spaccati di povertà, miseria e sfruttamento”. Tuttavia non tutti gli sbarcati sul suolo italiano sono migranti in fuga, sempre più spesso a nascondersi tra i profughi in fuga anche gli scafisti.

La Polizia di Stato  che a Palermo partecipa attivamente all’accoglienza ha identificato e arrestato un cittadino tunisino di 24 anni, sospettato di essere uno degli scafisti che avrebbero condotto un natante soccorso nel canale di Sicilia.

Il mese scorso il vascello battente bandiera Irlandese L.E. Eithne è approdato nel porto del capoluogo siciliano con a bordo 647 migranti che a loro volta erano stati soccorsi in due distinte operazioni di salvataggio, tra loro c’era anche Bairam Ltayef un 24 tunisino che è stato accusato di essere uno scafista, ad inchiodarlo sarebbero state le diverse testimonianze concordanti dei naufraghi partiti dalla Libia.

L’uomo è stato tratto in arresto e risulta recluso presso una locale casa circondariale.

Tra gli stranieri sbarcati, ieri, nel capoluogo anche un cittadino marocchino, il 33enne ABOULFETTAH Adil, è stato tratto in arresto dall’Ufficio Immigrazione. Il marocchino è risultato già colpito in passato da un provvedimento di espulsione quale misura alternativa alla detenzione e da un ordine di carcerazione. L’uomo, pertanto, è stato tratto in arresto per reingresso illegale in territorio nazionale.

Sull'autore

Redazione

Redazione