Telejato

 Ultime Notizie
  • Una settimana d’impegni in tribunale. Per Telejato attività ridotta Se si voleva creare ostacoli e rallentare, se non fermare la nostra attività d’informazione, si può dire che in qualche modo ci stanno riuscendo. Settimana piena d’impegni e di scadenze...
  • L’ultimo errore Il renzismo, che ha caratterizzato questa legislatura si è avvitato in una serie di fallimenti che hanno distrutto e fatto a pezzi quello che una volta era il principale “partito...
  • “Cu acchiappa un turcu è suo”   Riprendiamo una notizia di Riccardo Lo Verso, su Live Sicilia del 07 Gennaio 2018 con il titolo: “Ho avuto un bene tolto alla mafia. Ci ho creduto, ma ho...
  • “Mortu ‘u parrinu finisci u figghiozzu”   La vernice della stupidità è ormai così incrostata che è diventata il normale modo di essere. Bisogna passarci. Il tempo, l’attraversamento delle esperienze, lo sguardo attento in una lunga...
  • Saguto alla riscossa   La Saguto chiama a sua difesa 279 testimoni, molti dei quali avrebbero dato incarichi sia a Cappellano Seminara come amministratore, sia a suo marito Lorenzo Caramma come “perito”, non per un favore personale,...
  • 50 anni fa il terremoto in Sicilia Sono passati 50 anni da quando, fra il 14 ed il 15 gennaio del 1968, un forte terremoto sconvolse l’area del Belice in Sicilia. Le scosse erano iniziate il giorno...

Emergenza migranti, riconosciuto e arrestato a Palermo uno scafista

Emergenza migranti, riconosciuto e arrestato a Palermo uno scafista
luglio 01
13:38 2015

 

L’emergenza migranti porta con se un carico impressionante di storie umanitarie fatte di “atroci spaccati di povertà, miseria e sfruttamento”. Tuttavia non tutti gli sbarcati sul suolo italiano sono migranti in fuga, sempre più spesso a nascondersi tra i profughi in fuga anche gli scafisti.

La Polizia di Stato  che a Palermo partecipa attivamente all’accoglienza ha identificato e arrestato un cittadino tunisino di 24 anni, sospettato di essere uno degli scafisti che avrebbero condotto un natante soccorso nel canale di Sicilia.

Il mese scorso il vascello battente bandiera Irlandese L.E. Eithne è approdato nel porto del capoluogo siciliano con a bordo 647 migranti che a loro volta erano stati soccorsi in due distinte operazioni di salvataggio, tra loro c’era anche Bairam Ltayef un 24 tunisino che è stato accusato di essere uno scafista, ad inchiodarlo sarebbero state le diverse testimonianze concordanti dei naufraghi partiti dalla Libia.

L’uomo è stato tratto in arresto e risulta recluso presso una locale casa circondariale.

Tra gli stranieri sbarcati, ieri, nel capoluogo anche un cittadino marocchino, il 33enne ABOULFETTAH Adil, è stato tratto in arresto dall’Ufficio Immigrazione. Il marocchino è risultato già colpito in passato da un provvedimento di espulsione quale misura alternativa alla detenzione e da un ordine di carcerazione. L’uomo, pertanto, è stato tratto in arresto per reingresso illegale in territorio nazionale.

Sull'autore

Redazione

Redazione