Telejato

Alcamo i Carabinieri arrestano ladro d’appartamento

Alcamo i Carabinieri arrestano ladro d’appartamento
novembre 23
13:19 2014

Paolo Di Dia, di anni 24 pregiudicato alcamese è stato arrestato ieri sera dai Carabinieri di Alcamo. I fatti sono accaduti nell’ aprile del 2010, quando il giovane in compagnia di un complice fece irruzione di notte all’interno dell’abitazione di una anziana signora alcamese M.A. di 98 anni imbavagliandola e derubandola di tutti i suoi averi. I rapinatori per entrare nell’abitazione si sono arrampicati lungo la grondaia e, successivamente, dopo aver forzato la finestra, si sono introdotti nell’edificio. Alla vista della anziana signora i ladri hanno immobilizzato la povera donna e legata ad una sedia con del nastro adesivo lasciandola li per tutta la notte. L’anziana signora venne poi liberata l’indomani mattina dal figlio che chiamo’ immediatamente i Carabinieri della Compagnia di Alcamo . A seguito della rapina gli uomini del Nucleo Operativo dei Carabinieri riuscirono a trovare alcune impronti digitali e delle tracce utili per comparare il DNA .Ma la svolta delle indagini arriva dopo anni dopo, quando in una notte d’estate i militari sorpresero in flagranza di reato due ladri che, arrampicandosi lungo una grondaia, si introducevano all’interno di un’abitazione al primo piano del Corso dei Mille.In quella circostanza i militari sono riusciti a bloccare uno dei due ladri, Paolo Di Dia. Il ragazzo venne poi sottoposto a foto-segnalamento e gli vennero prese le impronte digitali per l’inserimento in banca dati, la cui consultazione permise di scoprire che combaciavano con quelle repertate sul luogo della rapina avvenuta nel 2010.I Carabinieri hanno subito richiesto l’applicazione di un’ordinanza di custodia cautelare e nei giorni scorsi a conclusione del processo è stato condannato a quattro anni di reclusione. Ieri sera è scattato il blitz, raggiunto presso la propria abitazione il Di Dia è stato tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Trapani “San Giuliano” ove sconterà la pena.

 


Tags
Condividi

Sull'autore

Redazione

Redazione